SPRAY Y MURALES…

 

Roma, 15 giu . (Ign) –
Un murales sarebbe il giusto ringraziamento che i graffitari potrebbero dedicare a Julian Seth Kahn. E’ stato l’inventore americano, infatti, a produrre il 15 giugno 1939 la prima bomboletta spray, strumento tanto caro agli artisti di strada. Una delle prime applicazioni dell’invenzione avvenne però durante la Seconda guerra mondiale, quando fu preparato uno spray per diffondere l’insetticida contro gli insetti portatori della malaria. Dietro alla fuoriuscita sotto forma di aerosol del liquido contenuto nella bomboletta, solitamente in alluminio, c’è un gas liquefatto che opera come propellente. Va detto che l’invenzione di questo processo risale però al 1926 e che la scoperta appartiene ad un chimico norvegese, Erik Rotheim, che vendette il brevetto ad una azienda statunitense. Inoltre, fino al 1989 il gas più usato nelle bombolette era il freon, poi messo al bando a causa dei danni che provocava allo strato di ozono. E proprio dopo la prima metà degli Anni ’80 raggiunge il massimo livello di maturità stilistica il fenomeno conosciuto come ‘graffitismo’, ovvero l’arte di fare murales con la vernice spray. Con tutte le conseguenze che si porta dietro una tale manifestazione socio-culturale: muri dipinti, treni ‘vestiti’ di colori e sottomanifestazioni sociali come il ‘writing’, atto dello scrivere parole sui muri delle città, lasciando la propria firma, chiamata ‘tag’. Ma oggi c’è Internet che offre la soluzione a tutti i graffitari che si sentono privati dello spazio urbano: un muro virtuale per artisti di strada. Su Freetown, infatti, è possibile fare il dowload di un pezzo di muro su cui dipingere la propria opera per metterla successivamente on line. Freetown offre la possibilità di una passeggiata virtuale lungo un muro in cui, scrivono gli autore del sito, ”le opere non sono dettagli secondari del contesto ma lessenza stessa”. Un progetto, concludono, ”per riappropriarsi di uno spazio che nella cerchia urbana, nel vissuto, sentiamo di non avere a disposizione”.
 

Esse post foi publicado em Artes. Bookmark o link permanente.

Deixe uma resposta

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s